Cappello.

Domani sarà una giornata di sole.
Domani sarà una giornata di amore. Di quello vicino, che ci si può toccare.
Domani sarà una giornata di mare.
Domani sarà una giornata di vacanza.
Domani sarò una turista; saremo due turisti che cammineranno insieme in un posto mai guardato prima. Comprerò un nuovo cappello e lo metterò per tutto il giorno, per farmi guardare da te, per farti vedere come sono bella con un cappello colorato in testa.
Domani ci saranno gli ombrelloni e le sdraio e i teli da mare coricati sulla sabbia e noi sopra di loro.
Domani ci saranno le conchiglie e se ne trovo una col buco, la prendo e mi ci faccio un braccialetto come ricordo.
Domani ci faremo il bagno insieme e abbracciati cercheremo l’equilibrio per non cadere. Poi di nuovo sulla sabbia e poi ancora in acqua, in un posto incantevole, in un posto neanche così lontano, in un posto che ci terrà per un po’ tra le sue braccia.

Credo che sia una cosa carina, credo che sia una cosa creativa: che so stare da sola quando sono da sola, che non so stare da sola quando sono con te.

E chi se lo scorda più!

Dimmi che non hai dimenticato

Dimmi che non sei cambiata
Che ami come amavi una volta
Dimmi che non hai dimenticato
come si fa a fidarsi delle persone
Che sai ancora amare come amavi
una volta
Dimmi che riconosci la sincerità
Dimmi che la vedi e che non ti fa
paura
Dimmi che amavi così e che lo fai ancora
Dimmi che non sei cambiata
Che non ti poni dei limiti
Dimmi che ami con tutta te stessa
la persona che ti ama con tutta se stessa
Dimmi che non hai dimenticato
Che non trattieni il fiato
Dimmi che sei ancora tu
Dimmi che vuoi di più, di più

E allora mi chiedo Come sono realmente?
Sono solare e allegra
O triste e cupa?

A volte posso sembrare strana, ma ci sono delle cose a cui tengo troppo e che devo in qualche modo proteggere. Ho paura delle catene, ho paura di lasciare ancora passare per sembrare sempre così cordiale, ho bisogno della mia libertà, dei miei diritti, delle mie cose: ho bisogno di valorizzarle e di non lasciarle calpestare.
È il mio modo di proteggermi dagli altri e anche da me stessa.

Mi piace perché sa fare un sacco di cose, ma mi piace soprattutto perché le fa.

Quando ho paura io parlo.